PSICHIATRIA, PSICOTERAPIA E DERMATOLOGIA PSICOSOMATICA

QUALI SONO LE AREE DI INTERVENTO DELLA PSICHIATRIA, PSICOTERAPIA E DERMATOLOGIA PSICOSOMATICA 

  • Disturbi psichici
  • Disturbi psicologici
  • Dermatologia Psicosomatica
  • Consulenza Psicologica Preoperatoria Per Interventi Di Chirurgia Estetica
  • Counseling

LA CURA È BASATA SU UN APPROCCIO TERAPEUTICO INTEGRATO

La cura dei disturbi legati al disagio psichico o psicologico, viene affrontata dal nostro psichiatra, la dottoressa Giuliana Tognola, con una modalità integrata, che utilizza diversi strumenti d’intervento, in una visione globale della persona.

I disturbi connessi a problemi di natura estetica e dermatologica che frequentemente riguardano i giovani, prevedono inoltre una stretta collaborazione con gli specialisti dermatologo e chirurgo estetico.

STRUMENTI TERAPEUTICI

Gli strumenti d’ intervento sono quelli medicopsicologicopsicoterapicofarmacologico e in alcuni casi quello legato alla cosiddetta medicina non convenzionale o complementare, che possono essere utilizzati individualmente o tra di loro variamente integrati, in relazione ai bisogni della persona.

A partire da un disagio psichico o psicologico o da un particolare sintomo fisico, attraverso un approccio multidisciplinare, forniamo una risposta terapeutica più ampia e personalizzata possibile, ritagliata sui bisogni della persona e volta a ripristinare il benessere o l’equilibrio persi.

Per fare l’esempio di un disturbo piuttosto diffuso come quello depressivo, sappiamo che questo termine comprende in realtà un’ampia gamma di disturbi di diverso tipo e gravità, che vanno attentamente diagnosticati e che necessitano di un approccio terapeutico specifico.

La letteratura scientifica è concorde nel ritenere che colloqui di sostegno psicologico (o psicoterapico) associati al trattamento farmacologico, rappresentino il miglior approccio terapeutico e abbiano la migliore efficacia anche a lungo termine.

Tuttavia nei casi di depressione moderata o reattiva a circostanze particolari o disfunzionali, può essere adottato un intervento a carattere esclusivamente psicologico.

In altri casi i pazienti, per motivi personali o ideologici, sono totalmente refrattari ad assumere psicofarmaci, nonostante gli antidepressivi di ultima generazione siano più sicuri e meglio tollerati di quelli del passato e possano essere attentamente monitorati; in questi casi è possibile utilizzare farmaci della medicina non convenzionale come l’omeopatia o la fitoterapia.

Questi ultimi, possono essere utilizzati anche alla sospensione dei farmaci tradizionali, per un ulteriore sostegno terapeutico.

Ogni situazione clinica va dunque affrontata tenendo conto della complessità e della individualità del paziente.